Archives par mot-clé : Venise

Venice Glass Week PERLE DI VETRO VENEZIANE E FRANCESI NEI SECOLI : UN MERCATO GLOBALE  

Giornata di studi a cura di Anna Bellavitis, Louise Bonvalet, Luca Molà

18 settembre 2024

Warwick Venice Centre

Palazzo Giustinian Lolin, S. Marco 2893, Venezia

10 : 00  Saluti e introduzione : Luca Molà e Anna Bellavitis

10 : 15  Luca Molà (University of Warwick): Produzione e commercio di conterie veneziane nel XV e XVI secolo

10 : 45 Valentina Sapienza (Università Ca’ Foscari Venezia): L’arte dei Paternosteri negli statuti di mestiere: luoghi, immagini e devozione

11 : 15  Coffee break 

11 : 45  Lise Levieux (GRHis, Université de Rouen Normandie): Fabrication et commerce des perles en verre à Paris et à Rouen du XVIe au XVIIIe siècle

12 : 15  Discussione

14 : 30  Pierre-Nicolò Sofia (Università di Padova): Rotte, mercanti e mercati delle perle di vetro veneziane nel XVIII secolo

15 : 00  Karin Pallaver (Università di Bologna): Regimi di valore: le perline di vetro tra Venezia e l’Africa orientale nel XIX secolo

15 : 30  Alessandro De Cola (Università di Bologna): Le perle di vetro tra scambio diseguale in Africa orientale e lavoro femminile a Venezia nell’ ‘800

16 : 00  Coffee Break 

16 : 30  Louise Bonvalet (GRHis, Université de Rouen Normandie): Dall’artigianato alla produzione di massa delle perle di vetro in Normandia : un lavoro femminile? (XIX-XX secolo) 

17 : 00  Anna Bellavitis, Nadia Filippini, Maria Teresa Sega:  Perle, perlere e impiraresse a Venezia tra ‘800 e ‘900

17 : 30  Luisa Conventi: Il museo delle impiraresse  

18 : 00  Discussione

Etat des verreries et verroteries de Venise en 1855

Louise Bonvalet

On trouve dans les publications françaises du XIXe siècle un portrait négatif de l’état des fabriques de verre et de perles à Venise, à l’instar de cet article tiré de la Revue franco-italienne. Il y est souvent question de la décadence de l’industrie vénitienne face à celles de Bohême ou encore de France.

“Verreries et verroteries de Venise. – Les fabriques et le commerce de verrerie et de verroterie à Venise ont été de tous temps d’une grande importance, y compris les fabriques célèbres de glaces. Maintenant celles-ci ont perdu non-seulement leur célébrité, mais aussi la méthode de leur fabrication, et elles ont cédé la place aux glaces de Bohême, de France et de Belgique, qui ont adopté d’autres moyens avec lesquels on arrive à donner aux glaces des dimensions, que le soufle [sic.] de l’ouvrier vénitien ne pouvait pas atteindre. Le commerce des glaces et des verroteries (conterie, perle, margherite) était autrefois si important que, pour en encourager la production, l’ancien gouvernement aristocratique du pays, si chatouilleux à l’égard de la noblesse qu’il privait les enfants d’un mariage inégal, permettait le mariage entre un de ses nobles patriciens et la fille d’un fabricant de glace ou de verroterie.
            Dans les temps les plus reculés, on a relégué dans une île près de Venise (Murano) les fabriques de verroterie, de peur d’incendie ; et cette île doit sa prospérité et même sa population à ces fabriques. Les ouvriers de ces fabriques, et ceux même qui, en dehors d’elle et de Murano, travaillent à Venise au feu d’une lampe au suif (à lume) pour obtenir d’autres articles, étaient réunis en corporations qui avaient le monopole ; et le Conseil des Dix, cette redoutable magistrature de la République, s’en était réservé la surveillance. Ces corporations ont été dissoutes dès 1806, sous le royaume d’Italie, c’est-à-dire que le monopole a été aboli et la liberté à tous d’exercer ces arts a été proclamée. La concurrence a amené le bon marché et même la guerre de bon marché entre les fabricants ; guerre qui a fini par un traité de paix et d’alliance, et qui nous ramena de fait, sinon en droit, au monopole.
            Pour obtenir les conteries, trois opérations sont nécessaires, qui forment trois parties d’un seul art. La première est la composition de la matière, la plus importante pour les conteries fines, telles que pierres précieuses imitées, la célèbre aventurine, etc. La seconde partie consiste dans le travail de l’ouvrier, qu’on appelle margueritier (margariter en patois vénitien), et qui arrondit les perles au feu des fours spéciaux. Vient ensuitre la besogne d’un autre genre d’ouvrier, le perler (en patois), qui applique à lume, comme nous avons dit plus haut.
            Le margariter travaille à la matière déjà perlée et en prépare les perles percées qui se vendent enfilées. Le perler traite la matière non percée et en forme des perles percées au moyen d’un fil de fer sur lequel il fait dégoutter la substance enflammée. Les perles sont ornées en employant en guise de pinceaux des bâtons (canne) de verre (smalto) très minces de différentes couleurs approchés de la flamme. Ce sont les perler qui savent produire des fils de verre aussi minces que de la soie, dont on fait des vases, des verres, des corbeilles, etc.
            Il est à remarquer que le brillant qu’on donne aux perles et aux marguerites ne se fait pas à Venise ou à Murano, mais en Bohême, à cause du meilleur marché.
            Parmi les articles les plus remarquables, on comptait ceux à filigrane, ceux à mille fleurs et l’aventurine artificielle, ce chef-d’œuvre des smalti. Ces arts étaient perdus ; ils ont été retrouvés récemment. M. Pierre Bigaglia, qui a produit la plus belle aventurine dont on a vraiment prétendu avoir découvert l’art en France, a inventé aussi une autre espèce de smalto à petits points rouges, verts et jaunes sur un fond noir, auquel il a donné le nom d’ossidiana.
            En d’autres temps, les conteries, c’est-à-dire les articles que nous venons de signaler, étaient l’objet d’un commerce très étendu en Syrie, en Egypte, et dans d’autres pays de l’Afrique, et par tout l’Orient. En quelques pays elles avaient même cours comme de l’argent. Maintenant, on en fait un grand commerce en Angleterre et en Hollande. Londres et Liverpool d’un côté, Hambourg et Amsterdam de l’autre, sont les centres principaux des envois en Amérique et aux colonies anglaises et hollandaises.
            Une exportation considérable a lieu, surtout à la Guinée, au Congo, à la Cafrerie, au Zanguebar et en Abyssinie. Là les Européens en font un grand commerce d’échange avec les produits naturels du pays. La France en opère un trafic semblable dans ses colonies du Sénégal, et elle en reçoit en échange du sable d’or, de l’ambre, des bois précieux et de la gomme arabique. En France, on exécute avec des marguerites de Venise une quantité de jolis travaux.
            L’Allemagne et surtout la Prusse en font autant. Lemberg et Bordy trafiquent avec la Russie, et Constantinople est le centre des commissions pour la Perse, l’Arménie et autres provinces de l’Asie. Alexandrie continue d’être une échelle importante pour l’exportation des conteries aux côtes orientales de l’Afrique et de l’Asie, le long de la mer Rouge. Les ports barbaresques en fournissent les marchés de toutes les tribus africaines voisines, d’où ces articles sont introduits dans les régions centrales de l’Afrique.
            On prétend que la quantité de ces produits dépasse même celui des temps anciens, mais que la baisse du prix a grandement diminué la recette. On en évalue la quantité à 2,320,000 kil., et la valeur à 5 millions de francs.
            En 1844, cette industrie comptait à Venise 15 fabriques, 78 vases, et 1,000 ouvriers. […]

Dr P. Maestri”

Source : « IX. Des Industries qui ont pour objet les substances minérales. ARTS CERAMIQUES », Revue franco-italienne : journal hebdomadaire non politique : sciences, industrie, commerce, littérature, beaux-arts, théâtres, 25 janvier 1855, p.27

Etat de la production vénitienne au milieu du XVIIIe siècle

Anna Bellavitis

Les Cinque Savi alla Mercanzia (Cinq Sages au commerce) envoient au Doge et aux Chefs du Conseil des Dix une enquête réalisée par les marchands de conterie sur l’état de la production au milieu du XVIIIe siècle. Il apparaît que la grande augmentation de la demande étrangère (France, Hollande, Angleterre, Espagne, Portugal, Levant et Barbarie) ne peut pas être satisfaite car la production ne suffit pas. Femmes et enfants ont été mis au travail, l’embauche de garzoni, arrêtée depuis des années, a repris, mais il n’y a pas assez de fours pour produire la canne de verre.

Archives d’État de Venise, Inquisitori di Stato, busta 821

Serenissimo Prencipe
Illustrissimi et Eccellentissimi Signori Capi dell’Eccelso Consiglio di Dieci

Le molte e frquenti ricerche che dal Levante e Ponente vengono fatte a mercanti di questa piazza delle contarie, l’eeser questo un capo vantaggioso alla nostra nazione per l’impiego del popolo, per il tenue costo della materia con cui si forma la manifattura, e per il fondo che soministra alla nostra navigazione, ed il comando avuto di dover attentamente invigilare sopra questa materia, eccitarono in noi un vivo desiderio di rilevare, come proceda questo affare.
Chiamati pertanto li capi di piazza e li mercanti che negociano di questo genere, li abbiamo espressamente eccittati a dover denotarci in iscritto come camini il lavoro delle contarie, e se li margariteri doppo il comando avuto, e registrato nelle lor mariegole, adempiscano intieramente agl’ordini ed alle comissioni che dalli sudetti mercanti gli vengono rilasciate.
In obbedienza al comando si sono questi presentati con l’unita carta, che a lume di Vostre Eccellenze si rassegna.
Dicon essi che il commercio delle contarie sussiste tutt’ora allo stesso grado, che abondevoli sono le commissioni ed eguali che furono pochi mesi sono rappresentate sussistere la medesima manifattura a ferrazza con eguali perniciose conseguenze.
Aggiungono penuriarsi in ora per diversa ragione della sposta nell’altra sua estesa, da noi di già in copia ell’Eccellenze Vostre, rassegnata con divota nostra scrittura 16 maggio passato.
Derivar in oggi la penuria dall’aver alcuni di que’ capi dell’arte intitolati direttori a pretesto d’esecuzione di loro particolari leggi demolite le fornaci erette ed esser ridotto il numero in oggi a sole 36 mentre allor quando li mercanti hanno prodotto il primo ricorso a questo magistrato, ne sussistevano 48.
Essersi per tal forma reso sufficiente il numero ristretto de’ descritti in arte superfluo, ed inane in conseguenza ogni publico provedimento.
Continuarsi l’abuso de prezzi alterati, e de mali lavori, continuarsi pure l’impossibilità di fornire in tempo congruo le comissioni che per i soli mercanti descritti nell’unita carta ascendono a un millione.
Reputandosi da noi per l’esposte cose di somma importanza questa materia, osa questo magistrato di umilmente farne il presente cenno a codesto gravissimo eccelso tribunale, a cui è di particolare inspezione una tal materia, nella fiducia che non sarà per riuscir discara la contezza di ciò, che di nuovo emerge, per quelle provide e salutari deliberazioni, che sono sempre mai proprie del sempre saggio, prudente e sovrano discernimento.

Data dal Magistrato de V Savii alla mercanzia li 17 Dicembre 1754


Illustrissimi ed Eccellentissimi Signori V Savi alla mercanzia

Il commercio delle contarie sussiste tutt’ora allo stesso grado e con eguali abondevoli commissioni che si rapportarono all’Eccellenze Vostre pochi mesi sono, come sussiste la medesima penuria di quella manifattura a ferrazza con eguali perniciose conseguenze si penuria però per diverse ragione di quelle d’allora.

Abbino presente l’Eccellenze Vostre l’esposto nel precedente nostro umiliato foglio e raccoglieranno che ridotto era il numero delle persone operanti a sole 120 circa ch’ampliavano tutto il di il numero delle fornaci, ma non ampliandosi il numero delle persone copia magior di manifatura dar non potevano, che quanto era capace di fornirne il ristretto nuemro degli operari.
Abbiamo infatto rilevati gl’effetti della pubblica providenza con la permissione e comando di valersi per alcune manoali operazioni di facchini per il taglio della canna delle femine congionte a capi maestri e lavoranti e di allevar altri operanti ricevendo garzoni, che erasi trascurato da capi di quella arte per il periodo di 80 anni circa, da che derivò il ristretto numero enunciato.`
Attendevano li mercanti soliti comerciare in tal genere dal publico provedimento una magior copia di manufattura ma invano lo attendono. Alcuni di que’ capi d’Arte intitolati direttori a pretesto d’esecuzione di loro particolari leggi hanno demolite le fornaci erette ed è ridotto il numero in oggi a sole 36, 48 ne sussistevano alla produzione del suaccennato umilissimo foglio nostro. Per tal forma resero sufficiente il numero ristrettissimo de descritti in Arte, e superfluo, ed inane ogni publico provedimento continua l’abuso de prezzi alterati, de mali lavori, e l’impossibilità di fornire in tempo congruo alle comissioni che per la sola parte nostra notifichiamo giacenti cogl’annessi fogli ch’ascendono ad un millione.
Bonomo Algarotti
Antonio de Benetto Buratti
Isac de Mand.n Treves
Gio. Dom.co Malanotti
Scalcauser Hughel et Sastrata ?
Gabrile Corner
Bernardo e Gio. Batta Sola

3 Dicembre 1754

Presentata al Magistrato di V Savi alla mercanzia dalli qui sottoscritti mercanti

Filippo Filippi segretario


Ill.mi ed Ecc.mi SS.ri V Savi alla mercanzia

Onorati noi infrascritti di riferire all’EE.VV. la situazione presente del commercio delle contarie, che qui si fabricano, in adempimento al comando umilmente esporremo.
Di due generi sono le contarie volgarmente denominate contarie a speo e contarie a ferrazza, delle prime poche sono le ricerche, abondanti delle seconde.
Volesse Dio che supplir si potessero le commissioni ch’in oggi derivano, ch’un duplicato commercio e forse maggior se ne farebbe.
Non s’ha memoria che tante e si abbondevoli commissioni in tempo alcuno mai state si sieno, perché in oggi ci derivano dall’Olanda, dall’Inghilterra, dalla Spagna, dal Portogallo, da Alessandria e da altri luochi del Levante, qualche spedizione fatta ne viene anco alla Corte di Barbaria, quando per avanti derivavano solo da alcuno de’ luochi nominati, ma da tutti in un tempo medesimo non è succeduto giamai.
Inutile tutto ciò, perché le commissioni che ci giungono non possono compiersi che nel periodo d’anni, ed in buona parte restano inesequite.
Li parzialmente distinti da manufattori, quando entro il periodo d’un anno diano compimento alle loro commissioni possono chiamarsene contenti, ascendono perciò eccedentemente di prezzo e passino per lo più il lavoro particolarmente delle minute.
L’impossibilità di supplir alle commissioni e ricerche, origine dell’alterazione de prezzi, del mal lavoro ed incaglio al commercio, procede dalla scarsezza del numero di manufattori ridotto a tal ristrettezza per opera de medesimi.
L’Arte de Margariteri è presentemente ridotta al numero di sole 120 persone circa tra capi maestri, e lavoranti, estendono tutto di il numero delle fornaci ma non ampliandosi il numero delle persone iperanti, per quante fornaci si erigano non vi sarà mai maggiore manifattura che quanta dar può l’opera di 120 persone.
Se adempier potessero ne tempi e forme che ci giungono l’ordinazioni che giacciono ineseguite, ragionevuole e promesse abbiamo di maggiori e più estese commissioni.
Qual danno ne derivi allo Stato ed al commercio non è dell’umiltà nostra il rifletterlo. La materia componente le contarie è di esteso prodotto ma di poco intrinseco valore: l’opera supera di molto la materia ed è denaro che tutto nello Stato proviene oltre il vantaggio nelle comutazioni per li provedimenti de generi da tutti que porti necessari e che mancandosi il capo commutabile estraggono dinaro dallo Stato, oltre il danno della specialità di cadaun negoziante, per quelle scale da quali si hanno simili ricerche senza riflettere agl’altri moltiplici vantaggi in relazione alla navigazione ed impiego di popolo che si perdono.
Né la conseguenza del danno si fermerà solo (quando cosi tuttavia procedersi) nella minorazione del commercio che far si potrebbe per tal genere, ma Dio non voglia che maggior non si faccia e che non ne ridondi una perdita totale.
Servono esse contarie agl’usi delle più rimote regioni dell’Africa, dell’Indie, coministrate le sono col mezo delle più industriose nazioni comerzianti, se ne studierà il disuso a più povere o la sostituzione d’altri generi consimili.
In Boemia si fabricano contarie non riuscite al grado che le veneziane: l’industria ch’ogni di più si raffina non è imposibile che giunger possa a perfettamente imitarle; nel Veneto Stato manifatture forestiere introdotte si sono, negl’esteri Stati le Venete. Questa tutt’ora di particolar rimane certamente tanto ricercata e non se ne può torre per metà il profitto, che cogllier se ne potrebbe.
Osino l’EE.VV. perdono all’umiltà nostra né riflessi di fatto che nell’esperienza di negoziazione conosciuti si sono coll’oggetto sempre di adempiere li di loro venerati comandi.


25 Novembre 1754 Venezia

Nota delle contarie comesse da noi sottoscritto sino dal mese di agosto passato al Signor Gio. Batta Colledan, senza che sin ad ora dopo mesi 4 egli voglia impegnarsi di darle principio, quantunque io lo stimoli continuamente per averle compite in gennaio passato a fine di poter essere in tempo di farle da qui giungere in Lisbona prima che da colà partino le navi per Goa nell’Indie Orientali, le quali dall’Europa non sciolgono ch’una sol volta all’anno, onde mancandomi quella occasione non potrò farle passar nell’Asia, se non in capo d’un altro anno.
Mazzi 10000 di fili 500 e P. 10 per mazzo sono migliara 100.

Bonhomo Algarotti.


2 dicembre 1754 Venezia

Noi Bernardo e Gio B.a Sola infrascritti dichiariamo con nostro giudizio tener l’infrascritte ordinazioni di contarie le quali non possiamo ottenere che per una minor parte: le altre esse commissioni noi prenderessimo altri Miara 100 di esse contarie cad.o di spedir in più luochi, il qual negotio non posiamo ora far per le difficoltà che pongono li margariteri ad assumersi l’impegno di fabricarle.

Per Carro teniamo in commissione barilli 4 contarie grosse, et munute sono Miara 100 peso V.to Dico             M.a 100
Per Aleppo contarie minute M.a trenta                                              dico     M.a 30
Oltre le quali prenderessimo Conterie minute M.a 100 come sopra             M.a 100
                                                                                                                      ———-
                                                                                                                      M.a 230
                                                                                                          Libre   230000

Bernardo e Gio. Batta Sola


 25 novembre 1754 Venezia

Notta del resto delle contarie che tengo in comissione io sottoscritto di già ordinate alli sottonotati e per lo meno parte di queste saranno più d’anni 6 che l’ho ordinate, e per anco non conseguite.
Sarebbero per derivarne commissioni maggiori se fossero le prime adempite.
In oggi nonostante le pubbliche beneficenze si prova maggior ritardo per la scarsezza delle fornaci dove prima si provava penuria per la scarsezza de lavoranti.
Al signor Antonio Ortes ordine per la summa di      L 137474
Pietro Gubiani simile                                                     126842
Giuseppe Gubiani siimile                                                28000
Summano                                                                  L 292316
Gio. Domenico Tramontin colane dozene                      10160

Gio. Domenico Malanotti


Venezia 18 novembre 1754

Nota dell’ordinazioni di contarie, che fino l’anno passatto abbiamo fatte al signor Antonio Ortes e delle quali nulla ancora ha potuto consegnare.
L 18000 contaria tonda minuta di diversi colori
     6000 cannette rosse, turchine e gialle
   45000 contaria tonda minuta di diversi colori
     6000 cannette rosse, gialle e pavonazze.
L 75000
Nel mese di settembre prossimo passato gli abbiamo ordinato
L   60000 contaria tonda minuta di diversi colori, che pemono al maggior segno d’esser spedite nel mese di febbraio prossimo venturo.
Al signor Gio. B.a Colledan abbiamo ordinato sin l’anno passato
L   15000 contaria tonda minuta di diversi colori
L 150000
Altra commissione di L 120000 contaria tonda abbiamo rimandata per non aver trovato fabricatore ch’ha voluto accettarla.

Scalcaver, Hughel, et Sartram


Venezia 19 novembre 1754
Nota del resto delle contarie ch’io sottoscritto tengo in commissione, e da me ordinate ne mesi addietro a questo signor Gio. B.a Colledani.
Barilli 16 Bianco minuto
Detti 12 Negro minuto
Detti 6 Verde trasparente minuto
Detti 2 Bianco grosso
Detti 2 Cannette rosse
Detti 2 Rossetta pavonazza grossa
Detti 14 Bianco grosso
Detti 6 Rosso grosso
Detti 4 Giallo minuto
Detti 4 Savonda minuta
Detti 2 Negro minuto

_____________________________________________________________

Barilli 70 del peso in tutto circa di L 115600

Se fossero state consegnate e spedite ditte contarie me ne sarebbero venute delle nuove e maggiori commissioni ma in oggi più tosto ch’ottener maggior facilità nella consegna provo maggior defatigazione e ristrettezza per non aver il ditto fabricatore dh’una sola fornace invece di tre, che n’aveva sempre negl’anni passati

Antonio de Benedetto Buratti


26 novembre 1754 Venezia

Resto delle contarie che tengo in commissione io sottoscritto et ordinate sino da due in tre anni alli qui sotto nottati marageriteri senza poterne aver una quinta parte delle ricercatemi e molto maggiori sarebbero le commissioni de miei amici di Francia, ed in particolar d’Olanda, se vedessero adempire le medesime, e quando si sperava di veder in oggi più facile adempimento delle medesime si prova maggior difficoltà e ritardo per il scarso numero delle fornaci lagnandosi li miei amici che lascio partire da qui le navi senza far a loro spedizione del genere sudetto

Il Sig. Gio. B.a Colledan contarie per Amsterdam in diversi colori             L 80000
Il Sig. Gio. B.a sudetto per Francia                                                              L 10000
Il Sig. Gio. Dom.co Tramontin                                                                     L 90000
In colane N 3000

Io Gabriel Corner

Les Perles de Venise d’Henri Crovetto

Louise Bonvalet

Si les perles en verre vénitiennes fascinent depuis des siècles les voyageurs, elles ont aussi inspiré les musiciens et une gavotte pour piano !

Bibliothèque nationale de France

Henri Crovetto est peu connu ; nous savons seulement qu’il a vécu entre le XIXe siècle et le XXe siècle et qu’il est français. En 1920, il publie ses oeuvres musicales chez E. Demets à Paris.

Un niveau intermédiaire de piano est requis pour pouvoir jouer cette danse, mais nous serions bien curieux.ses d’entendre le morceau, en imaginant Crovetto découvrir l’art des perles en verre lors d’un voyage à Venise !

Image accompagnant la partition

Lien vers la partition intégrale

John Singer Sargent

Le peintre américain John Singer Sargent (1856-1925) est l’auteur de nombreux tableaux
représentant la vie quotidienne de Venise. Les trois tableaux représentent des femmes qui
enfilent des perles en verre et des femmes qui trient et coupent des cannes de verre pour
fabriquer des perles et des ornements.

John Singer Sargent, A Venetian Interior, c.1880-1882, peinture à l’huile, 48,4 x 60,8cm, The Clark Art Institute.
Sur la droite: une femme qui enfile des perles en colliers
CC no copyright
John Singer Sargent, Venetian Glass Workers, c.1880-1882, peinture à l’huile, 56,5 x 54,5cm, Art Institute of Chicago.
CC no copyright, public domain
John Singer Sargent, The Bead-stringers of Venice, c.1880-1882, peinture à l’huile, 56 x 82 cm, National Gallery of Ireland.
CC no copyright, public domain

Cornelio Ferrari: demande de privilège d’invention pour une nouvelle perle, appelée Stelleria, très appréciée par les Anglais pour leurs colonies américaines.

Anna Bellavitis

Archivio di Stato di Venezia, Cinque Savi alla Mercanzia, Busta 463


1764, 9 janvier


“L’industria de sudditi all’introduzione di nuove manifatture fu più e più volte dalla Serenità Vostra eccittata, con promessa di largizione di privileggi, e di doni, e fu per tal modo sempre premiata, massime all’ora che si promosse per mezzo di questa impiego di popolo et ampliazion di commercio. Cornelio Ferrari umilissimo suddito con esperimenti dispendiosi a proprio rischio, e con esposizione del suo stato, inventò un genere di conteria, che prese il ome di Stellerie resa accetta presentemente agl’Inglesi per il loro commercio di America, e che è pressumibile, che prender possa corso in commercio per altri porti ancora del Ponente e del Levante. Questo genere di nuova invenzione trapassando per la sua riduzione e perfezione per mano di molteplici artefici, potrebbe essere con imperfezione forse da tall’uno imitata, e abortirebbe nel suo nascere l’industria di un benemerito suddito, con rovina del suo stato, e con danno di un commercio di quella conseguenza, che ben lo comprende la Serenità Vostra. Ricorre egli perciò umilissimo prostrato a piedi del suo Prencipe ad implorare a senso delle Pubbliche sapientissime prescrizioni que’ privileggi che vagliano a preservare all’inventore la manifattura introdotta, e per la maggior sua perfezione, e dilatazione, necessità avendo di perfetti salnitri, come in altri casi supplica che a lui pure concessa ne sia quella quantità ancora che si riconoscerà occorrente alla manifattura stessa”.

Réponse des magistrats:

“Qual sia il singolar commercio, che si fa in questa Dominante della conteria, e quanto utile sia è di già noto. Due sono li generi; altra è di semplice vetro, la canna di questa si fa in tutte le fornaci di Murano, si riduce a perfezione da margariteri e si lavora anche da perleri con smalto sopra il vetro; altra è di tutto smalto, la canna di questa non si fa che in alcune poche fornaci, che possiedono il segreto; si riduce a perfezione da perleri, toltone i grani di straordinaria grandezza che non possono che farsi, e perfezionarsi nelle stesse fornaci. Del primo genere, che è il più ordinario e comune, e di semplice vetro, non si farà parola nella presente esposizione che tende a dimostrare le convenienze di Cornelio Ferrari inventore di nuova specie di conteria di smalto. Queste contarie di smalto sono in particolar segreto presentemente a soli patroni di fornaci, Bertolini, Ferrari, Rossetti, e Miotti. Tutti in ogni tempo li possessori del segreto di lavori d’intiero smalto si sono industriati a innovare nel genere con nuove configurazioni, con novità di colori, per invitar sempre più il commercio, e per estenderne il traffico quanto più fosse possibile. Le invenzioni e nuovi ritrovati non furono però mai tali, che non si siano da tutti gli altri a perfezione prontamente imitati, nulla variando nell’intrinseca sostanza, ma solo nella modificazione, unione di colori, e nella forma. Cornelio Ferrari in questi ultimi tempi ha ricevuta commissione da Londra da certo suo corrispondente di formar di tutto smalto una grossissima grana di contaria che nella superficie ritenesse un color uniforme, ma che intrinsecamente contenesse una varietà di colori (…) . Ha egli avuto animo di azzardar non indifferenti capitali all’esperimento di simile ordinazione, e dopo vari tentativi, dopo l’inutile sagrifizio in varie e vane prove (…) li riuscì di formare la ricercata conteria, a tanta perfezione che poté adempiere alla ordinazione con contentamento del corrispondente e con buoni successi avendo avuta susseguentemente altra commissione della stessa qualità che fu denominata stellaria e con speranza di maggiori ordinazioni. Il ritrovato è tale che ha giusta ragione di sperar non solo risarcimento a suoi danni ma spera un non indiferente compenso a suoi gravi rischi e alla sua industria et opera, quall’hora da altri invaghiti dello spazzo, che incontra, non fosse adulterato il lavoro per vaghezza d’imitarlo.

Ad oggetto di preservare il comercio di questa e di estenderlo oltre che al Ponente al Levante, in giusta anche remunerazione fu con riverente supplica dimandato un privativo durante la vita di Cornelio Ferrari inventore, e 20 anni doppo la di lui morte e per presservare di questa la perfezione fu anco richiesto, come ad altri manifattori fu concesso, una conveniente quantità di salnitro dal Pubblico.”

Supplique des Patenôtriers de Venise qui demandent à la Milizia da Mar de baisser la contribution demandée.

Anna Bellavitis

Selon les Patenôtriers  deux marchés qui étaient très importants dans le passé sont désormais inaccessibles: les patenôtres étaient exportés vers l’Espagne, et partaient vers ‘les Indes et d’autres lieux sujets à cette monarchie’, mais le développement de la fabrication des perles en Angleterre a privé les Vénitiens de ce marché; de même, l’exportation vers la Perse, ‘qui en faisait une grande consommation’, souffre à cause des conflits internes à cet État et des guerres avec l’Empire Ottoman. 

Archivio di Stato di Venezia, Milizia da Mar, busta 542, fascicolo Paternostreri

Sans date, mais années ’40 du XVIIIe siècle

“Dalle vicende del mondo dipendendo principalmente l’aumento o decadenza dell’Arti, cosi la paterna carità di questo gloriosissimo governo, che ama la giustizia, rimette alla sapienza di questo ecc.mo collegio l’esame della Arti tutte perché a misura delle loro forze gli restino addossati gl’aggravii.

Soffriva quest’Arte il peso addossatogli di ducati 120 di taglione all’anno ma attesa la sua principiata decadenza da vostri precessori con l’esame del di lei stato gli fu minorata la contributione a ducati 60 all’anno e tale sorte haverebbe sortito se il gastaldo de ditta Arte l’anno 1727 havesse a precessori di Vostre Eccellenze humiliate le proprie raggioni si che restò soggetta alla pesante tansa insensibile di ducati 102 annui.

L’esito principale delle di lei manifature era una volta fatto nella Spagna, e da quel Regno passava nell’Indie et altri luochi sudditti di quella monarchia, ma introdotto il lavoro di detta professione nell’Inghiltere, le manifature stesse portate dagl’Inglesi in quel Regno hanno a questa Arte levato tal traffico, e diminuito respetivamente l’impiego. La Persia, che ne faceva un infinito consumo e dalle guerre intestine e civili et hora dalle guerre straniere chiuso il passo per li Stati Ottomani, ha riddotto quest’Arte nell’ultimo della miseria, e languisce in un’indicibile decadenza.

L’aggravio delle due gravezze risultante a ducati 162 effettivi è peso insoportabile, mentre soli novanta sette sono li componenti quest’Arte, 5 bombardieri e li più commodi settanta nove li operanti giornalieri, che al più pagano L 4 all’anno et altri 13 cappi di lavoriero, a quali tocca portarne quasi tutto il peso, quale resta maggiormente accresciuto dalla sovrana gelosia di quest’Arte, che vuole che li patroni debbano ogn’anno logar nelle proprie fornaci li settanta nove opperanti distribuendoli in soli 18, e sono costretti abbenché non habbiano il modo di darli impiego atteso non haver esito delle proprie manifature, a doverli pagar le giornate, e se gli ritardano il pagamento sono costretti dal Tribunale suddetto a dovergliele pagare. Né qui si ferma la discratia delli suddetti 18 patroni, mentre nelli mesi d’agosto e settembre tempo in cui non si lavora devono dare a cadauno degl’operanti ducati 30 o 40 d’imprestanza per scontarli a Lire 4 o 5 alla settimana, come pure sofrono il peso di ducati 120 in circa all’anno di altri aggravii indispensabili d’Arte apparrenti dalla notta, che si humilia.

In tale stato di decadenza et aggravata da tanti pesi s’humilia alla Giustitia di Vostre Eccellenze questa infelicissima Arte e già che dalla sovranità del Prencipe è apperto il caso a poter mediante la loro clemenza goder gl’effetti della paterna pietà verso l’Arti abbatute, confida che nella sua desolatione riporterà quel benigno rescritto ugualgiato alle sue forze che possa dargli il modo di supplire e nello stesso tempo di respirare dal pesante aggravio, che in presente la opprime.”