Echanges de techniques entre la France et Venise : Francesco Riccoboni et les perles fausses à la mode de Paris

Anna Bellavitis

Francesco Riccoboni, (Mantoue, 1707-Paris 1772) est connu comme acteur et auteur de pièces de théâtre. Il était l’héritier d’une des plus importantes familles de comédiens italiens, parmi les plus reconnues au niveau européen. Ses parents, Luigi Andrea Riccoboni (Lelio) et Elena Virginia Balletti (Flaminia), furent appelés à Paris en 1716 pour inaugurer la nouvelle saison de la Comédie Italienne. Francesco, qui avait étudié à Louis Le Grand, fut naturalisé français en 1723. Sa brillante carrière d’acteur fut abandonnée en 1749 à cause de problèmes respiratoires ; il continua son activité de dramaturge, voyagea en Italie et se consacra à des études de chimie et d’alchimie[1]

Le document que nous publions, conservé dans les archives des Cinque Savi alla Mercanzia, aux Archives d’État de Venise, est un mémoire sur la fabrication des ‘perles fausses’ que Riccoboni envoya au gouvernement de Venise en 1749. Il demande à la République de l’autoriser à s’installer à Venise pour y fabriquer un type spécial de perles à imitation des vraies perles, selon un procédé de son invention. Il explique que les perles en verre soufflé, qui, selon le procédé utilisé à Paris, sont remplies de cire pour leur donner la coloration blanche, ne peuvent pas être exportées dans les pays chauds, car la cire fond. Il affirme avoir trouvé le moyen de les fabriquer autrement, selon un procédé qu’il ne détaille pas, et qui permettrait de les envoyer au-delà de l’Équateur. La brillance est donnée par les écailles d’un petit poisson qu’il est certain de pouvoir trouver dans le Lac de Garde.  

Archivio di Stato di Venezia, Cinque Savi alla Mercanzia, busta 462, n° 3: Riccoboni. Perle false ad uso di Francia

« Avendomi scritto l’Ecc.mo Sig.r Francesco Maria Bettoni che mi permettevano le Eccellenze vostre di scrivere direttamente a loro sopra il particolare dell’arte che desidero stabilire in Venezia mi sono preso questo ardire. Agiungo a questa mia uno scritto in forma di semplice memoriale instruttivo come s’usa in Francia e non saputo distenderlo in altra forma non essendo instrutto delle formule con le quali si usa di parlare in Venezia ad un rispettabile Magistrato. Suplico le Ecellenze vostre di riguardare di buon ochio il mio desiderio e mi dichiaro con somo rispetto delle Ecellenze vostre.

L’umilissimo e rispettosissimo servo Francesco Riccoboni.

Parigi li 28 agosto 1749.

Memoriale concernente l’arte di far le perle false.

L’arte di far perle false non può esser profitevole a chi l’intraprenderà fuor di Parigi, se non le può dare alla Germania et a l’Italia stessa a minor prezo che non le danno i Francesi. Questo avantagio deve naturalmente ritrovarsi in Venezia, dove le materie che a tal lavoro s’impiegano non sono tanto care come in Francia. Ma pure aciò tale mercanzia non divenga cara per li forestieri, è necessario ch’ella sia, come lo è in Francia, esente d’ogni dazio, sia per l’uscita delle perle fatte, sia per l’entrata della squama di pesce che serve a dargli il brillante.

Questa esentione di dazio è utile per il mercante e non è di gran conseguenza per lo Stato, poi che mille dozene di fili di perle non possono pesare tra vetro e cera più di trecento e cinquanta libre. Per la squama di pesce, chi ne impiegasse mille libre in un anno bisognarebe che facesse un esito immenso della mercantia sopradetta.

In quanto alla ricerca del pesce convenevole a questo lavoro, gl’è indispensabile che chi farà tale intrapresa ottenga prima la licenza di far pescare ne diversi fiumi e laghi che si ritrovano nello Stato veneto con le reti a ciò convenevoli, per indagare i luoghi ne quali si può ritrovare tal qualità di pesce, per stabilirvi poi la pesca quando si darà principio al lavoro.

Le reti secondo i siti variano di misura nei fiumi dove il pesce sta a gala basta che la rete entri in aqua tre palmi. In altri luoghi bisogna che profondino più di tre bracia ma queste non sono capaci di pigliar pesce grosso essendo loro di maglia stretta e di filo assai sotile.

Avendo io fatto far ricerca ne laghi di Neufchatel, Morat, e Ginevra, per tutto s’è ritrovato il pesce in quantità e di qualità superiore a quello che si pesca ne fiumi di Francia. Questo mi fa congeturare che il lago di Garda potrebbe ancor lui nutrire quantità di detto pesce. Se ne può trovare ancora nei fiumi d’aqua placida come la Brenta o altri simili. Se a caso non se ne trovasse nello Stato veneto il che mi pare impossibile non vedo che vi fosse inconveniente a farne venire dalle provincie circonvicine come dal lago di Mantova o altri.

In quanto a l’utilità che può ricavare il comercio di Venezia dallo stabilimento dell’arte che qui si propone, egli è più grande che a prima vista non comparisce, e ciò per la ragione che qui esporrò.

Le perle false di Parigi essendo piene di cera non ponno esser trasportate nei paesi di gran calore, molto meno possono passare l’Equatore, perché il troppo gran caldo fa fonder la cera e guasta intieramente la perla. Ma ò ritrovato il modo d’empirle invece di cera, d’un’altra materia che più sente calore più si secca e s’indurisce e con questo mezo se ne potrebbe mandare alle coste d’Africa e sino al Perù, alla Terra di fuoco, et al Mexico dove certamente una mercantia sconosciuta fin ora potrebbe avere un grande incontro. Non ò voluto ancora far uso di questo secreto in Francia nel progetto che nudrivo di trasportar l’arte in altro paese.

Se questo mio dissegno è favorevolmente ricevuto non dubito che la Serenissima Republica non mi accordi per quest’arte nuova un privilegio esclusivo per un numero d’anni convenevole il che lascio al arbitrio degli Ecellentissimi Signori deputati al comercio. Sarò in libertà di portarmi a Venezia al fine della quaresima ventura e mi farò gloria d’impiegare ogni mia debole fatica in servigio della Serenissima Republica dallo Stato della quale sono oriondo e nel seno di cui ò sempre avuto desiderio di tornarmi a stabilire.”


[1] https://www.treccani.it/enciclopedia/francesco-antonio-valentino-riccoboni_%28Dizionario-Biografico%29/



Citer ce billet
annabellavitis (2023, 21 août). Echanges de techniques entre la France et Venise : Francesco Riccoboni et les perles fausses à la mode de Paris. PerMA. Consulté le 21 juin 2024, à l’adresse https://doi.org/10.58079/st2m

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.