Magia naturalis et les fausses perles (1589?)

Louise Bonvalet

Giovanni Battista Della Porta rédige en 1558 sont célèbre ouvrage Magiae naturalis sive de miraculis rerum naturalium. Comme son nom l’indique, l’auteur y passe en revue diverses disciplines perçues alors comme “naturelles” et s’oppose aux disciplines surnaturelles (autrement dit : diaboliques).

La première édition, en latin, est divisée en 4 livres. Dès 1589, sa version complète est publiée, et on y trouve dans le livre VI deux recettes pour savoir “falsifier” les perles, c’est-à-dire pour fabriquer des perles fausses.

Come si falsifichino le perle (cap. XIII, libro VI)

Non sarà fuor di proposito aggiungere à queste il modo di falsificare le perle perche molti vi s’affannano intorno, io di quanti ne ho provati, se ben niuno à moi modo, pur questo è il men cattivo degli altri.

Modo di contrafar le perle
Piglia d’acqua vite finissima onze tre, e d’acqua forte, di alume di rocca, e sal nitro parti eguali onza una, ponivi dentro argento puro in foglio, e questi poni in una cucurbitula di vetro, col suo coperchio ben lutato, che non respiri, poni sotto il fimo dieci giorni, cavandolo fuori, troverai sopra l’acqua natante una bella pellicina di argento, ricoglila con un cucchiaro di argento, e serbala ben serrata, che non s’imbratti, riporrai la cucurbitola sotto il medesimo fimo per dieci altri giorni, poi leva e fa il medesimo, fin tanto che ne assumerà sopra, poi la restante acqua cola per pezza di lino in una boccietta di vetro, e vi porrai dentro tre oncie di argento vivo puro, serra, e poni pur sotto il fimo per venti giorni, e troverai l’argento vivo soluto in acqua, ponetevi dentro un’oncia di perle minute, e lutato il vase poni pur di sotto il fimo per quindeci giorni, e si muteranno in acqua, e sopra l’acqua una certa ontuosità, quale si chiama il grasso delle perle, ricogli come prima, e conservala, torna l’acqua nel medesimo fimo, e dopo li medesimi giorni, apri, e ricogli medesimamente la grassezza, fin tanto che ne verrà di sopra, l’acqua rimasta fa evaporar à fuoco lento, finche secchi, all’ultimo dà fuoco forte, finche sublimi l’argento vivo, che le perle restaranno calcinate nel fondo del vase bianche: togli quella, & impasta con due parti serbate dall’argento, & una di quella delle perle dell’ontuoso, questa pasta ponete nelle forme di argento della grandezza delle perle, che volete fare, e formatole, le passarete con un fil di argento sottile, quando desideri il forame, lasciandole finche si rassodino nelle formi, che farà fra un’hora, toglile poi, e ponile à seccar dentro una carasina all’ombra per un giorno: e secche poi ungerete col liquor delle perle parte una, e che sia il doppio di quello, con l’argento con un pennello, e fatele poi seccare all’ombra, cosi’ per cinque volte dentro una carrafina, e poni al Sole per sei giorni. Ponnosi anchor falsificar le perle in

            Altro modo
Si piglia la lagrima chiarissima del mastice, e fattone quantità si accomoda su le punte di due stecchi di legno, o’ di ferro, e si vada sempre avolgendo sù le punte de’ legnetti, riscaldando, e tenendola molle al lume di una candela, me che non si macchino dal fumo, che sempre si andrà trasmutando in un bellissimo colore di perle, che pareranno naturali, che con difficultà si conoscono dalle vere, e durano nel bel suo colore per alcun mese. Il modo di farle con gli occhi delle seppie non lo pongo quà, perche è troppo volgare”

Della magia naturale, da Pompeo Sarnelli, 1677, pp.224-225.



Citer ce billet
Louise Bonvalet (2024, 20 mars). Magia naturalis et les fausses perles (1589?). PerMA. Consulté le 21 juin 2024, à l’adresse https://doi.org/10.58079/w1xx

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.