Etat de la production vénitienne au milieu du XVIIIe siècle

Anna Bellavitis

Les Cinque Savi alla Mercanzia (Cinq Sages au commerce) envoient au Doge et aux Chefs du Conseil des Dix une enquête réalisée par les marchands de conterie sur l’état de la production au milieu du XVIIIe siècle. Il apparaît que la grande augmentation de la demande étrangère (France, Hollande, Angleterre, Espagne, Portugal, Levant et Barbarie) ne peut pas être satisfaite car la production ne suffit pas. Femmes et enfants ont été mis au travail, l’embauche de garzoni, arrêtée depuis des années, a repris, mais il n’y a pas assez de fours pour produire la canne de verre.

Archives d’État de Venise, Inquisitori di Stato, busta 821

Serenissimo Prencipe
Illustrissimi et Eccellentissimi Signori Capi dell’Eccelso Consiglio di Dieci

Le molte e frquenti ricerche che dal Levante e Ponente vengono fatte a mercanti di questa piazza delle contarie, l’eeser questo un capo vantaggioso alla nostra nazione per l’impiego del popolo, per il tenue costo della materia con cui si forma la manifattura, e per il fondo che soministra alla nostra navigazione, ed il comando avuto di dover attentamente invigilare sopra questa materia, eccitarono in noi un vivo desiderio di rilevare, come proceda questo affare.
Chiamati pertanto li capi di piazza e li mercanti che negociano di questo genere, li abbiamo espressamente eccittati a dover denotarci in iscritto come camini il lavoro delle contarie, e se li margariteri doppo il comando avuto, e registrato nelle lor mariegole, adempiscano intieramente agl’ordini ed alle comissioni che dalli sudetti mercanti gli vengono rilasciate.
In obbedienza al comando si sono questi presentati con l’unita carta, che a lume di Vostre Eccellenze si rassegna.
Dicon essi che il commercio delle contarie sussiste tutt’ora allo stesso grado, che abondevoli sono le commissioni ed eguali che furono pochi mesi sono rappresentate sussistere la medesima manifattura a ferrazza con eguali perniciose conseguenze.
Aggiungono penuriarsi in ora per diversa ragione della sposta nell’altra sua estesa, da noi di già in copia ell’Eccellenze Vostre, rassegnata con divota nostra scrittura 16 maggio passato.
Derivar in oggi la penuria dall’aver alcuni di que’ capi dell’arte intitolati direttori a pretesto d’esecuzione di loro particolari leggi demolite le fornaci erette ed esser ridotto il numero in oggi a sole 36 mentre allor quando li mercanti hanno prodotto il primo ricorso a questo magistrato, ne sussistevano 48.
Essersi per tal forma reso sufficiente il numero ristretto de’ descritti in arte superfluo, ed inane in conseguenza ogni publico provedimento.
Continuarsi l’abuso de prezzi alterati, e de mali lavori, continuarsi pure l’impossibilità di fornire in tempo congruo le comissioni che per i soli mercanti descritti nell’unita carta ascendono a un millione.
Reputandosi da noi per l’esposte cose di somma importanza questa materia, osa questo magistrato di umilmente farne il presente cenno a codesto gravissimo eccelso tribunale, a cui è di particolare inspezione una tal materia, nella fiducia che non sarà per riuscir discara la contezza di ciò, che di nuovo emerge, per quelle provide e salutari deliberazioni, che sono sempre mai proprie del sempre saggio, prudente e sovrano discernimento.

Data dal Magistrato de V Savii alla mercanzia li 17 Dicembre 1754


Illustrissimi ed Eccellentissimi Signori V Savi alla mercanzia

Il commercio delle contarie sussiste tutt’ora allo stesso grado e con eguali abondevoli commissioni che si rapportarono all’Eccellenze Vostre pochi mesi sono, come sussiste la medesima penuria di quella manifattura a ferrazza con eguali perniciose conseguenze si penuria però per diverse ragione di quelle d’allora.

Abbino presente l’Eccellenze Vostre l’esposto nel precedente nostro umiliato foglio e raccoglieranno che ridotto era il numero delle persone operanti a sole 120 circa ch’ampliavano tutto il di il numero delle fornaci, ma non ampliandosi il numero delle persone copia magior di manifatura dar non potevano, che quanto era capace di fornirne il ristretto nuemro degli operari.
Abbiamo infatto rilevati gl’effetti della pubblica providenza con la permissione e comando di valersi per alcune manoali operazioni di facchini per il taglio della canna delle femine congionte a capi maestri e lavoranti e di allevar altri operanti ricevendo garzoni, che erasi trascurato da capi di quella arte per il periodo di 80 anni circa, da che derivò il ristretto numero enunciato.`
Attendevano li mercanti soliti comerciare in tal genere dal publico provedimento una magior copia di manufattura ma invano lo attendono. Alcuni di que’ capi d’Arte intitolati direttori a pretesto d’esecuzione di loro particolari leggi hanno demolite le fornaci erette ed è ridotto il numero in oggi a sole 36, 48 ne sussistevano alla produzione del suaccennato umilissimo foglio nostro. Per tal forma resero sufficiente il numero ristrettissimo de descritti in Arte, e superfluo, ed inane ogni publico provedimento continua l’abuso de prezzi alterati, de mali lavori, e l’impossibilità di fornire in tempo congruo alle comissioni che per la sola parte nostra notifichiamo giacenti cogl’annessi fogli ch’ascendono ad un millione.
Bonomo Algarotti
Antonio de Benetto Buratti
Isac de Mand.n Treves
Gio. Dom.co Malanotti
Scalcauser Hughel et Sastrata ?
Gabrile Corner
Bernardo e Gio. Batta Sola

3 Dicembre 1754

Presentata al Magistrato di V Savi alla mercanzia dalli qui sottoscritti mercanti

Filippo Filippi segretario


Ill.mi ed Ecc.mi SS.ri V Savi alla mercanzia

Onorati noi infrascritti di riferire all’EE.VV. la situazione presente del commercio delle contarie, che qui si fabricano, in adempimento al comando umilmente esporremo.
Di due generi sono le contarie volgarmente denominate contarie a speo e contarie a ferrazza, delle prime poche sono le ricerche, abondanti delle seconde.
Volesse Dio che supplir si potessero le commissioni ch’in oggi derivano, ch’un duplicato commercio e forse maggior se ne farebbe.
Non s’ha memoria che tante e si abbondevoli commissioni in tempo alcuno mai state si sieno, perché in oggi ci derivano dall’Olanda, dall’Inghilterra, dalla Spagna, dal Portogallo, da Alessandria e da altri luochi del Levante, qualche spedizione fatta ne viene anco alla Corte di Barbaria, quando per avanti derivavano solo da alcuno de’ luochi nominati, ma da tutti in un tempo medesimo non è succeduto giamai.
Inutile tutto ciò, perché le commissioni che ci giungono non possono compiersi che nel periodo d’anni, ed in buona parte restano inesequite.
Li parzialmente distinti da manufattori, quando entro il periodo d’un anno diano compimento alle loro commissioni possono chiamarsene contenti, ascendono perciò eccedentemente di prezzo e passino per lo più il lavoro particolarmente delle minute.
L’impossibilità di supplir alle commissioni e ricerche, origine dell’alterazione de prezzi, del mal lavoro ed incaglio al commercio, procede dalla scarsezza del numero di manufattori ridotto a tal ristrettezza per opera de medesimi.
L’Arte de Margariteri è presentemente ridotta al numero di sole 120 persone circa tra capi maestri, e lavoranti, estendono tutto di il numero delle fornaci ma non ampliandosi il numero delle persone iperanti, per quante fornaci si erigano non vi sarà mai maggiore manifattura che quanta dar può l’opera di 120 persone.
Se adempier potessero ne tempi e forme che ci giungono l’ordinazioni che giacciono ineseguite, ragionevuole e promesse abbiamo di maggiori e più estese commissioni.
Qual danno ne derivi allo Stato ed al commercio non è dell’umiltà nostra il rifletterlo. La materia componente le contarie è di esteso prodotto ma di poco intrinseco valore: l’opera supera di molto la materia ed è denaro che tutto nello Stato proviene oltre il vantaggio nelle comutazioni per li provedimenti de generi da tutti que porti necessari e che mancandosi il capo commutabile estraggono dinaro dallo Stato, oltre il danno della specialità di cadaun negoziante, per quelle scale da quali si hanno simili ricerche senza riflettere agl’altri moltiplici vantaggi in relazione alla navigazione ed impiego di popolo che si perdono.
Né la conseguenza del danno si fermerà solo (quando cosi tuttavia procedersi) nella minorazione del commercio che far si potrebbe per tal genere, ma Dio non voglia che maggior non si faccia e che non ne ridondi una perdita totale.
Servono esse contarie agl’usi delle più rimote regioni dell’Africa, dell’Indie, coministrate le sono col mezo delle più industriose nazioni comerzianti, se ne studierà il disuso a più povere o la sostituzione d’altri generi consimili.
In Boemia si fabricano contarie non riuscite al grado che le veneziane: l’industria ch’ogni di più si raffina non è imposibile che giunger possa a perfettamente imitarle; nel Veneto Stato manifatture forestiere introdotte si sono, negl’esteri Stati le Venete. Questa tutt’ora di particolar rimane certamente tanto ricercata e non se ne può torre per metà il profitto, che cogllier se ne potrebbe.
Osino l’EE.VV. perdono all’umiltà nostra né riflessi di fatto che nell’esperienza di negoziazione conosciuti si sono coll’oggetto sempre di adempiere li di loro venerati comandi.


25 Novembre 1754 Venezia

Nota delle contarie comesse da noi sottoscritto sino dal mese di agosto passato al Signor Gio. Batta Colledan, senza che sin ad ora dopo mesi 4 egli voglia impegnarsi di darle principio, quantunque io lo stimoli continuamente per averle compite in gennaio passato a fine di poter essere in tempo di farle da qui giungere in Lisbona prima che da colà partino le navi per Goa nell’Indie Orientali, le quali dall’Europa non sciolgono ch’una sol volta all’anno, onde mancandomi quella occasione non potrò farle passar nell’Asia, se non in capo d’un altro anno.
Mazzi 10000 di fili 500 e P. 10 per mazzo sono migliara 100.

Bonhomo Algarotti.


2 dicembre 1754 Venezia

Noi Bernardo e Gio B.a Sola infrascritti dichiariamo con nostro giudizio tener l’infrascritte ordinazioni di contarie le quali non possiamo ottenere che per una minor parte: le altre esse commissioni noi prenderessimo altri Miara 100 di esse contarie cad.o di spedir in più luochi, il qual negotio non posiamo ora far per le difficoltà che pongono li margariteri ad assumersi l’impegno di fabricarle.

Per Carro teniamo in commissione barilli 4 contarie grosse, et munute sono Miara 100 peso V.to Dico             M.a 100
Per Aleppo contarie minute M.a trenta                                              dico     M.a 30
Oltre le quali prenderessimo Conterie minute M.a 100 come sopra             M.a 100
                                                                                                                      ———-
                                                                                                                      M.a 230
                                                                                                          Libre   230000

Bernardo e Gio. Batta Sola


 25 novembre 1754 Venezia

Notta del resto delle contarie che tengo in comissione io sottoscritto di già ordinate alli sottonotati e per lo meno parte di queste saranno più d’anni 6 che l’ho ordinate, e per anco non conseguite.
Sarebbero per derivarne commissioni maggiori se fossero le prime adempite.
In oggi nonostante le pubbliche beneficenze si prova maggior ritardo per la scarsezza delle fornaci dove prima si provava penuria per la scarsezza de lavoranti.
Al signor Antonio Ortes ordine per la summa di      L 137474
Pietro Gubiani simile                                                     126842
Giuseppe Gubiani siimile                                                28000
Summano                                                                  L 292316
Gio. Domenico Tramontin colane dozene                      10160

Gio. Domenico Malanotti


Venezia 18 novembre 1754

Nota dell’ordinazioni di contarie, che fino l’anno passatto abbiamo fatte al signor Antonio Ortes e delle quali nulla ancora ha potuto consegnare.
L 18000 contaria tonda minuta di diversi colori
     6000 cannette rosse, turchine e gialle
   45000 contaria tonda minuta di diversi colori
     6000 cannette rosse, gialle e pavonazze.
L 75000
Nel mese di settembre prossimo passato gli abbiamo ordinato
L   60000 contaria tonda minuta di diversi colori, che pemono al maggior segno d’esser spedite nel mese di febbraio prossimo venturo.
Al signor Gio. B.a Colledan abbiamo ordinato sin l’anno passato
L   15000 contaria tonda minuta di diversi colori
L 150000
Altra commissione di L 120000 contaria tonda abbiamo rimandata per non aver trovato fabricatore ch’ha voluto accettarla.

Scalcaver, Hughel, et Sartram


Venezia 19 novembre 1754
Nota del resto delle contarie ch’io sottoscritto tengo in commissione, e da me ordinate ne mesi addietro a questo signor Gio. B.a Colledani.
Barilli 16 Bianco minuto
Detti 12 Negro minuto
Detti 6 Verde trasparente minuto
Detti 2 Bianco grosso
Detti 2 Cannette rosse
Detti 2 Rossetta pavonazza grossa
Detti 14 Bianco grosso
Detti 6 Rosso grosso
Detti 4 Giallo minuto
Detti 4 Savonda minuta
Detti 2 Negro minuto

_____________________________________________________________

Barilli 70 del peso in tutto circa di L 115600

Se fossero state consegnate e spedite ditte contarie me ne sarebbero venute delle nuove e maggiori commissioni ma in oggi più tosto ch’ottener maggior facilità nella consegna provo maggior defatigazione e ristrettezza per non aver il ditto fabricatore dh’una sola fornace invece di tre, che n’aveva sempre negl’anni passati

Antonio de Benedetto Buratti


26 novembre 1754 Venezia

Resto delle contarie che tengo in commissione io sottoscritto et ordinate sino da due in tre anni alli qui sotto nottati marageriteri senza poterne aver una quinta parte delle ricercatemi e molto maggiori sarebbero le commissioni de miei amici di Francia, ed in particolar d’Olanda, se vedessero adempire le medesime, e quando si sperava di veder in oggi più facile adempimento delle medesime si prova maggior difficoltà e ritardo per il scarso numero delle fornaci lagnandosi li miei amici che lascio partire da qui le navi senza far a loro spedizione del genere sudetto

Il Sig. Gio. B.a Colledan contarie per Amsterdam in diversi colori             L 80000
Il Sig. Gio. B.a sudetto per Francia                                                              L 10000
Il Sig. Gio. Dom.co Tramontin                                                                     L 90000
In colane N 3000

Io Gabriel Corner



Citer ce billet
annabellavitis (2024, 27 février). Etat de la production vénitienne au milieu du XVIIIe siècle. PerMA. Consulté le 21 juin 2024, à l’adresse https://doi.org/10.58079/vwwl

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.